User Experience Design Development

Marchese Guglielmo di Azzolina: 1380, Novembre 9, Pisa


Diplomatico 0316/337
1380, novembre 9, Pisa
I fratelli Bartolomeo e Bonifacio del fu Guglielmuccio, nobili di Fosdinovo, a nome loro e del loro fratello Tomaino del fu Guglielmuccio, vendono al marchese Leonardo del fu Galeotto Malaspina, il quale accetta per sè per suo fratello Spinetta del fu Galeotto, tutte le case, le torri, i palazzi, i “casamenta”, i giardini, le terre i molini e gli acquedotti posti nella distretto e sotto la giurisdizione di Massa, che lo stesso Bartolomeo aveva acquisito dal fu marchese Guglielmo di Azzolina come consta dallo strumento rogato dal notaro Nicolosio di Gerardo di Moncigoli; allo stesso modo cede ai soprascritti marchesi Malaspina ogni singolo affitto, livello, tributo, reddito o provento da lui contratto o acquisito.
Datatio:Dat. topica: “Act. in civitate Pisarum, in domo habitationis Petri militis Gambacurte”. Pur essendo stata rogata a Pisa la pergamena non osserva il computo pisano, ma segue lo stile della Natività.
Originale
Supporto:membranaceo mm 385 x 451
Segni di convalida:Presente il “signum tabellionis” del notaro estensore
Sigilli n.:0Sigilli originali n.:0
Persone (Nome – Ruolo nel doc.):Bartholomeus olim GuillelmucciiBonifacius olim GuillelmucciiGambacorta, Pietro di BartolomeoMalaspina, Guglielmo di AzolinoMalaspina, Leonardo di GaleottoMalaspina, Spinetta di GaleottoNicolosius qd. ser Gerardi de MonciculoThomainus olim GuillelmucciiIohannes olim Iohannis de SarzanaEstensore
Toponimi: Massa (Massa Carrara) Pisa
Scheda redatta il:01/10/2007da:Paola Cervia
%d bloggers like this: