Robot Limited

1195 AD – Campo Caggeggi Monte Gaggeggi: MUNICIPALITY OF GUALTIERI SICAMINÒ
























https://www.cistercensi.info/abbazie/abbazie.php?ab=1058

Old Norman nobility

Cistercians / The Gauls / Swabia / South Germany / Gallia  
Campo Caggeggi
MUNICIPALITY OF GUALTIERI SICAMINÒ
The name of the Gaedera farmhouse is mentioned in a document dated 1195 with which Henry VI of Swabia Henry VI, Holy Roman Emperor confirms to the Cistercian monastery of Roccamatore Rocca Amatoris (Tremestieri Etneo, Messina - three monasteries) the donation of the three fiefs (estate of land) of Campo Caggeggi and Paparcudi made by Bartolomeo de Lucy (Swabian Bartholomew of Luci. Old Norman nobility), Count of Paternò. Henry VI, a member of the Hohenstaufen dynasty, was King of Germany from 1169 and Holy Roman Emperor from 1191 until his death. From 1194 he was also King of Sicily. The Cistercians (/sɪˈstɜːrʃənz/)[1] officially the Order of Cistercians (Latin(Sacer) Ordo Cisterciensis, abbreviated as OCist or SOCist), are a Catholic religious order of monks and nuns that branched off from the Benedictines and follow the Rule of Saint Benedict. They are also known as Bernardines, after the highly influential Bernard of Clairvaux (though that term is also used of one of the Franciscan Orders in Poland and Lithuania); or as White Monks, in reference to the colour of the "cuccula" or white choir robe worn by the Cistercians over their habits, as opposed to the black cuccula worn by Benedictine monks.

Archivio Storico di Santa Lucia del Mela, Volume primo di tutta la scrittura presentata per la lite di Galteri e Soccorso, ecc., ff. 7r-8v; Secondo volume della scrittura per li feudi di Campo, Caggegi e Paparcudi, ff. 1r-2v; Volume secondo di scritture diverse di don Marco Cocuzza, ff. 656r-657r.

Historical Archive of Santa Lucia del Mela, First Volume of all the writing presented for the litigation of Galteri and Soccorso, etc., ff. 7r-8v; Second volume of the writing for the feuds of Campo, Caggegi and Paparcudi, ff. 1r-2v; Second volume of different writings by Don Marco Cocuzza, ff. 656r-657r.

Pubblicato, con errori e omissioni, da L. FULCI, op. cit., p. 126. Il Libro del Sindaco, contenente l’originale, non è più reperibile. Il testo integrale qui pubblicato è tratto da una copia esistente in: ACSL, Secondo volume della scrittura per li feudi di Campo, Caggegi e Paparcudi, ff. 17r-19r.

Abbey of Santa Maria di Roccamadore

The abbey of Santa Maria di Roccamadore was a Cistercian abbey located in Tremestieri, a hamlet in the municipality of Messina in Sicily.

The abbey of Santa Maria di Roccamadore was founded in 1193 by the will of the Norman Bartolomeo de Luci, count of Paternò and of Butera in Messina in the locality of Tremestieri. [1] The count wanted to name the complex after Santa Maria di Roccamadore in honor of the French church of Roc-Amadour en Quercy, today in the Lot department (Midi-Pyrénées region), destination of numerous pilgrimages in the early Middle Ages. The abbey was entrusted to the Cistercian monks of Novara di Sicilia of the abbey of Santa Maria, of which the abbey of Roccamadore was a daughter in the line of the abbey of Clairvaux. Bartolomeo de Luci himself, also lord of Monforte San Giorgio, donated various assets to the monastery including a mill along the Niceto stream, in the territory of the castle of Monforte [2]. In 1861 the abbey passed to the congregation of San Bernardo. Suppressed by decree in the 19th century, the Roccamadore abbey must have been completely abandoned by now when it was destroyed by the 1908 earthquake that struck eastern Sicily. Of the ancient monastery, located in the Roccamotore district in the hamlet of Tremestieri, today in ruins, only a few remains remain.

Count Bartolomeo de Luci, eldest son of the de Luci family, Norman lineage originating from Lucy [3], near Dieppe in Upper Normandy [4], transplanted to southern Italy in the second half of the 11th century, was the son of Baron Giosberto de Luci (in French: Josbert de Lucy; in Latin: Josbertus de Luci or Gosbertus de Luci) who belonged to one of the most important lineages of ducal Normandy [5]. Giosberto de Luci had married Muriella di Altavilla, third-born daughter of the Norman sovereign the Great Count Roger I of Altavilla and Eremburga di Mortain, also of Norman lineage descendant of the counts of Mortain. From the marriage between Giosberto and Muriella, in addition to Bartolomeo, Alfonso de Luci was also born (in Latin: Anfusus de Luci) who described himself in a document of 1171 as "blood relative" to King William [6]. Bartolomeo de Luci married Desiderata Policastro, daughter of Count Goffredo, third son of Silvestro, Count of Ragusa, descendant of the Norman royal family. Bartolomeo and Desiderata had a daughter, Margherita, who married Guglielmo Malcovenant [7] for the first time and Pagano de Parisio for the second time [8]. In 1194 Bartolomeo de Luci founded the Cistercian abbey of Santa Maria di Roccamadore in Tremestieri near Messina, on the model of the French abbey of Santa Maria di Rocamadour near Quercy. The abbey was endowed with income, and it is Bartolomeo de Luci himself who informs us that he was prompted by a solemn vow made during his pilgrimage [9]. He was named count of Butera and count of Paternò by Henry IV in 1193. On the death of Bartolomeo de Luci the county of Butera was inherited by his son-in-law, Guglielmo Malcovenant, while the county of Paternò was reduced to a simple fief and first passed to the counts of Butera , and subsequently to Beatrice Lanza, belonging to an ancient family of Aleramic origin, under the investiture of Frederick II of Swabia. The Norman baronial family de Luci, to which Count Bartolomeo belonged, had various feudal possessions between Sicily and Calabria as reported in various documents of the time and is attested starting from the 11th century also in England under the Norman rule of William the Conqueror. According to some scholars it cannot be excluded that these Norman de Luci (the surname is also reported Lucij) gave their name to the Calabrian village of Luzzi [10], identified in various documents as castellum Luci and castellum Luzi. [11]

The history and culture of the Cistercians

The Cistercian Order is a monastic order was born in France in the late eleventh century. In Sicily, the first Cistercian abbey was born in Novara di Sicilia in the twelfth century, founded by Hugh of Citeaux and some of his followers.
The Cistercian Order was originally from the Abbey of Cîteaux (Latin Cistercium) in Burgundy, founded by Robert of Molesmes in 1098. A key contribution to the spread of the order throughout Europe gave Bernard of Fontaines, the first abbot of the monastery of Clairvaux (or Chiaravalle).
The first Cistercian monks arrived in Sicily in the first half of the twelfth century, the island sent Bernardo Hugh of Citeaux, who was accompanied by Paul, Eligio and Marco. The construction of Vallebona monastery began in 1137 and was completed in 1167. The monastery was canonically erected in 1171, dedicated to Maria Santissima Annunziata, then called Abbey of Santa Maria di Novara, is considered the first Cistercian monastery in Sicily.
The Monastery of Vallebona, secondary possession of the Abbey of Sambucina in Calabria, it soon became the main addiction. Here the monks quickly spread the word and the Cistercian teaching in many places in Sicily, where were built monasteries arising from the Abbey of Santa Maria di Novara, such as the Abbey of Santa Maria di Roccamadore (1193) in Messina, of Santa Maria Spano (1263) in the territory of Randazzo and the Abbey of Santa Maria in Alton (1307).
In the sixteenth century the Cistercian monks leave the Vallebona former monastery and moved into the heart of the town of Novara di Sicilia, where it built a new monastery, the Abbey of Santa Maria la Noara.

Affiliation of: Novara di Sicilia Line of: Clairvaux

Image may contain: sky and outdoor

Castello Normanno (Paternò), The castle was built in 1072 by Count Roger I of Sicily to protect the 
Simeto valley from Islamic raids. The first nucleus of the fortress was soon enlarged, and it subsequently lost its original military functions. Under Henry VI it was made the seat of the Count of Paternò, assigned to his fellow Swabian Bartholomew of Luci. Later the castle housed kings and queens, such as Henry's son Emperor Frederick IIEleanor of Anjou and Blanche I of Navarre, as the castle had been included in the so-called Camera Reginale estates ("Queen's Chamber") by King Frederick III of Sicily.
The Chamber was abolished in the 15th century, and in 1431 the castle was acquired by the Special family; until 1456 it was owned by the Moncada family. Used as a jail, in the following centuries it became increasingly decayed, until restoration work begun in the 19th century brought it back to its ancient prominence.

The castle has a rectangular plan, on three floors, with a height of 34 m. Originally, it had Ghibelline-style merlons, of which today only remains can be seen. Notable is the colour effect created by the dark shade of the stones and the frames of the Gothic-style mullioned windows, in white limestone.
The first-storey houses several service chambers and the Chapel of St. John, decorated with precious 13th-century frescoes. The piano nobile houses a large Weapons Hall. The king's residence was located in the upper floor.

The parish of Santa Maria dell'Itria di Gaedera, established in 1600, had spiritual jurisdiction over a vast territory that included the fiefs of Sicaminò, Campo Caggeggi, Paparcudi, Camastrà, Cattafi and Pace.

The name of the Gaedera farmhouse is mentioned in a document dated 1195 with which Henry VI of Swabia confirms to the Cistercian monastery of Roccamatore (Tremestieri) the donation of the three fiefs of Campo Caggeggi and Paparcudi made by Bartolomeo de Lucy, Count of Paternò. Even today the rescue area corresponding to the ancient farmhouse of Gaedera is indicated with the name of Casale Vecchio. The parish of Santa Maria dell’Itria di Gaedera, established in 1600, had spiritual jurisdiction over a vast territory that included the fiefs of Sicaminò, Campo Caggeggi, Paparcudi, Camastrà, Cattafi and Pace. On the territory of Cròpani, however, the only news in our possession is that handed down to us by Barberi who mentions a donation made in 1396 by King Martin and Queen Maria in favor of Ludovico d’Aragona, then Rational Master of the Kingdom.

The church dedicated to Santa Maria del Soccorso already existed in 1560. But it was only in 1632 that Monsignor Vincenzo Firmatura, abbot of S. Lucia, elected the Madonna del Soccorso as patron saint of the house, setting the feast on 22 August. In 1650, as it happened for Gualtieri, Soccorso also passed for a century (until 1750) from the ecclesiastical jurisdiction of the Prelature of Santa Lucia del Mela to that of the Archdiocese of Messina.
...

Palazzo Crisafi dei Baroni di Pancaldo

Gaul (LatinGallia)[1] was a region of Western Europe first described by the Romans.[2] It was inhabited by Celtic tribes, encompassing present day FranceLuxembourgBelgium, most of Switzerland, and parts of Northern ItalyNetherlands, and Germany, particularly the west bank of the Rhine. It covered an area of 494,000 km2 (191,000 sq mi).[3] According to Julius Caesar, Gaul was divided into three parts: Gallia CelticaBelgica, and Aquitania. Archaeologically, the Gauls were bearers of the La Tène culture, which extended across all of Gaul, as well as east to RaetiaNoricumPannonia, and southwestern Germania during the 5th to 1st centuries BC.[4] During the 2nd and 1st centuries BC, Gaul fell under Roman rule: Gallia Cisalpina was conquered in 203 BC and Gallia Narbonensis in 123 BC. Gaul was invaded after 120 BC by the Cimbri and the Teutons, who were in turn defeated by the Romans by 103 BC. Julius Caesar finally subdued the remaining parts of Gaul in his campaigns of 58 to 51 BC.

The Frankish victory at the Battle of Soissons in AD 486, Gaul (except for Septimania) came under the rule of the Merovingians, the first kings of FranceGallo-Roman culture, the Romanized culture of Gaul under the rule of the Roman Empire, persisted particularly in the areas of Gallia Narbonensis that developed into OccitaniaGallia Cisalpina and to a lesser degree, Aquitania. The formerly Romanized north of Gaul, once it had been occupied by the Franks, would develop into Merovingian culture instead. Roman life, centered on the public events and cultural responsibilities of urban life in the res publica and the sometimes luxurious life of the self-sufficient rural villa system, took longer to collapse in the Gallo-Roman regions, where the Visigoths largely inherited the status quo in the early 5th century. Gallo-Roman language persisted in the northeast into the Silva Carbonaria that formed an effective cultural barrier, with the Franks to the north and east, and in the northwest to the lower valley of the Loire, where Gallo-Roman culture interfaced with Frankish culture in a city like Tours and in the person of that Gallo-Roman bishop confronted with Merovingian royals, Gregory of Tours.

Other donations, however, are made by members of the old Norman nobility. In 1199, Margherita, the daughter of Bartolomeo di Lucy, count of Paternò and founder of the Cistercian monastery of Roccamatore, gave the hospital the fiefdom of a knight in Mineo; and in 1203, Guglielmo Malconvenant, count and great admiral, probable heir of the Avenel in western Sicily, gave, with the approval of his wife Margherita, the cellaro farmhouses, near Sciacca, and a house in Palermo in the future Albergheria, in Babelagerin 

Tremestieri Etneo

Province of Catania

The ancient village of Tremestrieri was included in the city of Catania until 1641, when the merchant Giovanni Andrea Massa acquired the little town, to which it belonged since the Aragonese domination. The name Tremestieri derives from a Latin word “Tria Monasteria” which means “three monasteries”. The main cultural attractions of the village are the Mother Church; the Church of Santa Maria delle Grazie, the Church of Immacolata.

Abbazia di Santa Maria di Roccamadore

ABBAZIA DI ROCCAMADORE

A volte capita di guardarsi intorno e di notare dei particolari del nostro territorio che attirano, ma non così tanto da chiedere, domandarsi, informarsi su ciò che abbiamo notato. Quel qualcosa, a volte, colpisce la nostra vista e incuriosisce la nostra mente. Succede molto più spesso di quanto ci si aspetti dalle nostre parti…. infatti….. avrete sicuramente notato…..

Stiamo parlando dell’Abbazia di Roccamadore (oggi roccamotore), un altro dei tanti monumenti antichi che costellano il nostro territorio ma che nessuno conosce. Pezzi di storia che vanno via via perdendosi grazie a chi, non ha a cuore ciò che di bello possediamo e che potrebbe essere valorizzato. Un luogo così in altri posti del mondo attirerebbe miglia di v isitatori. Resti di antichissime Abbazie sparse nel mondo e meno importanti storicamente hanno solo il pregio di essere curate, pubblicizzate, gestite, ma sopratutto salvaguardate avendo cura di ciò che i secoli e gli eventi non hanno cancellato per sempre.

Tralasciando le sempre “inutili” critiche parliamo un pò della storia dell’Abbazia di Roccamotore, l’ Abbazia di Tremestieri.A fondare l’ Abbazia di Roccamadore furono i Cistercensi che, seguendo la Regola di S. Benedetto, furono grandi bonificatori e agricoltori ed ebbero un notevole ruolo nelle vicende dell’economia agraria medioevale.  Questa caratteristica si sposava con la tendenza, verso la fine della dominazione normanna, a creare spazi per l’agricoltura attraverso lo sfruttamento delle fiumare, e cioè sfruttare gli spazi e le possibilità che offrivano gli irrequieti torrenti prima di esaurirsi nel mare.

Questa tendenza si manifestò nel vallata del Valdemone, sia nella fascia occidentale che orientale. Furono centri propulsori le Abbazie di diversi ordini religiosi. In particolare, nella zona a sud della città il prete Scolaro fondò e dotò un monastero dedicato al Salvatore, a Zafferia l’Arcivescovo di Messina nel 1176 affidò la messa a cultura a quattro uomini venuti dalla Calabria, tra i torrenti Larderia e Mili la propulsione venne dall’ Abbazia di S. Maria di Mili e, successivamente, tra i torrenti Larderia e Zaffaria da quella di S.Maria di Roccamadore gestita appunto dai monaci cistercensi.

Questa Abbazia fu fondata e dotata di rendite da Bartolomeo de Lucy, conte di Paternò e di Butera, che durante un viaggio aveva fatto il voto di fondare un monastero e di offrirlo ai cistercensi in cambio di una messa ogni anno in suffragio della sua anima quando sarebbe morto.

Nel settembre 1194, l’arcivescovo Riccardo di Messina concesse a Bartolomeo il permesso di costruire la sua Abbazia. A Giacomo, il futuro abate, venne concessa la libera elezione, l’esenzione dal giudizio del tribunale episcopale e vari privilegi minori. Nondimeno, S.Maria di Tremestieri doveva essere soggetta per tutto il resto alla normale giurisdizione episcopale e doveva dare alla Chiesa di Messina quattro candele ogni anno, e pane e vino all’arcivescovo quando questi visitava il monastero.

La conquista di Messina da parte di Enrico VI nel 1194, la sua entrata a Palermo il 20 novembre e la sua incoronazione il giorno di Natale, mise fine al periodo normanno in Sicilia ed assicurò la prosperità di S.Maria di Roccamadore, i cui possedimenti egli confermò poco tempo dopo.

Dall’elogio in carta pecora del 1197 apprendiamo che il nome di Roccamadore è mutuato da un’omonima chiesa sita nella Gallia Narbonese che il fondatore S.Amadore dedicò alla Vergine Maria della Rocca, perchè costruita su una rupe scoscesa. Più precisamente si tratta della cittadina di Roc Amadour en Quercy.

Il monachesimo cistercense (da questo sito abbiamo preso spunto e qualche foto per questo articolo – aspetto info da loro per diritti di copyright…. O non vedrete più questa frase o non vedrete più le foto… hihihi), in origine,  rigettava la signoria della terra, la comodità, le scuole e i rapporti con i villaggi. E’ escluso che un borgo, dunque, si formi intorno al monastero che viene costruito in luoghi da eremiti come boschi, terreni paludosi come dovevano essere i terreni tra le fiumare di Larderia e Zafferia a quel tempo; due tipi di beni gli erano indispensabili, l’acqua e la pietra, che il sito sicuramente forniva. Una esplorazione dimostrò l’esistenza di un pozzo sotterraneo, a cui si accede da una galleria, e una attigua sena che sicuramente appartenevano al cenobio. Le due fiumare, poi, abbondano di sassi e macigni.

Il territorio dove sorse l’Abbazia era quello di Tremestieri, che prenderebbe la sua denominazione da “tre Monasteri” (Monasterium S.M. de Tribus Monasteriis vocatum) o forse dal toponimo di origine greca Tremethousha (esiste una località omonima nell’isola di Cipro) ma che prima di allora si chiamava “Al kanays ‘at talat“.

I beni che il Conte Bartolomeo de Luce donò all’Abbazia di Roccamadore  sono diversi ed elencati in alcuni testi cistercensi: L’abbazia di Roccamatore sin dalle origini possedeva tre mulini , frequentati anche da laici estranei al monastero, nonostante lo statuto del Capitolo generale lo vietasse espressamente.

Si ha infatti notizia di una donazione di Bartolomeo di Lucy, confermata dalla Regina Costanza, alla abbazia di Roccamadore dei mulini di Ruveto che egli aveva avuto in cambio dalla prioria di S.Leone di Pannacchio nel dicembre 1199. L’anno successivo dona alla chiesa di San Leone, presso Mongibello, un mulino denominato Nuovo, in cambio dell’altro mulino detto di Ruveto, già assegnato alla chiesa di Roccamadore.

La costruzione cistercense prevede che l’edificio sia costruito su di un modulo quadrato, lo stesso della Città di Dio,  presente in tutti i rapporti di proporzioni  sui quali si progettano le varie parti del monastero e più rigorosamente la chiesa; quadrato pure è il chiostro intorno al quale i monaci passeggiano meditando con il libro in mano. La chiesa ha la centralità della costruzione cistercense e tutte le altra parti sono subordinate; così la chiesa è progettata per ospitare gli altari per le celebrazioni dei monaci, per accogliere la Schola cantorum durante il canto delle ore sette volte al giorno ed una durante la notte. Non è stata progettata per accogliere fedeli estranei, e le sue vie di accesso sono solo con il dormitorio e il chiostro, e due porte laterali una posta a nord per i rari visitatori e una a sud per i conversi; sulla facciata che guarda  ad ovest non vi sono aperture , ad eccezione di alcune finestrelle per far passare la luce. La pianta a croce latina della chiesa è funzionale ai riti che in essa si svolgono, ed ha nel transetto, anch’esso di forma quadrata ed affiancato da cappelle rettangolari coperte da un unico tetto, il suo punto focale; questo era lo stile delle Abbazie circestensi ma della chiesa di Roccamadore, purtroppo non è rimasto nulla, sappiamo solo che sull’altare maggiore vi era esposta una antichissima immagine della Madonna di fattura bizantina; ed è questa una delle poche notizie che abbiamo riguardo all’edificio e al suo contenuto. Abbiamo cercato di supplire alla grave mancanza di notizie sulla nostra abbazia, ricorrendo sia alla descrizione che ne fa il regio visitatore Mons, De Ciocchis, sia analizzando le sopravvivenze architettoniche di altra abbazie cistercensi tuttora esistenti di Sicilia e Calabria  che abbiano avuto qualche rapporto con essa.

La Chiesa dell’Abbazia di Roccamadore è molto grande e costruita a forma di croce al di là dell’altare maggiore, è fornita di due altari con proprie cappelle, e ha il corpo, l’organo, sagrestia e torre campanaria. Il Monastero è affiancato da un chiostro con ventotto colonne di pietra e consta anche di due conclavibus o dormitori con le celle dei monaci e ha due orti ad uso dei monaci. Infine il monastero era dotato di una biblioteca ricca di molteplici volumi. Erano conservate nel Sacrario dello stesso Cenobio le reliquie di molti Santi, di cui le più insigni pare fossero: un pezzo del legno della S.Croce, le ossa di S.Lucia Vergine e Martire, di San Blasio, di Sant’Ignazio, e le ossa pelle e sangue di S.Nicola Cosentino, Monaco Cistercense.

Da questi elementi possiamo ipotizzare che corrispondesse alle tradizioni costruttive e alle forme architettoniche delle  le abbazie cistercensi tuttora esistenti in Italia.

I monaci cistercensi associavano ufficio divino e lettura spirituale con il lavoro manuale, in cui venivano affiancati da conversi laici; la Abbazie erano autonome ed esprimevano inizialmente il proprio Abate, pur rimanendo sotto la sorveglianza dell’Abbazia fondatrice che godeva del cosiddetto “ius paternitatis” designandovi il primo abate, presiedendo all’elezione dei successori, compiendovi visite regolari con poteri disciplinari e punitivi e derimendo eventuali controversie che si venivano a creare tra i monaci e l’abate.

Per questo i primi Abati di Roccamadore furono tutti frati cistercensi, contemporanei al periodo di espansione e di floridezza dell’Ordine che dura fino a tutto il XIV secolo.

Alcuni atti antichi ci raccontano….

Il Capitolo Generale dell’Ordine Cistercense nel 1236 punisce l’Abate di Roccamadore per non aver rispettato  il divieto di mangiar carne in conformità con gli Statuti dell’Ordine.

Nel 1268 l’abbazia di Roccamadore  ebbe in gestione il casale di Gadara, compresi i suoi abitanti, nel territorio di Messina che era appartenuto al miles messinese Giovanni de Amato.

Beranardo di Adinolfo attesta di aver ricevuto da Matteo de Limogiis, per incarico di Bonsignore  Lardea, di Caracosa sua moglie e di Giovanna figliastra di Bonsignore, 12 once d’oro ricavate dalla vendita di una vigna sita in Messina nella contrada “de Tribus Monasteriis”.

Dopo la ribellione del 1282 contro gli Angioini, conosciuta come Vespri Siciliani, a cui Messina partecipò sconfiggendo e cacciando il presidio francese comandato da Eberto d’Orleans, Carlo d’Angiò, salpando con la sua flotta da Catona, sbarca presso l’Abbazia di Roccamadore disponendo tutto il suo esercito e le macchine da guerra. Da qui si muove per cingere d’assedio Messina.

Lo storico Tommaso Fazello ci fornisce il reddito dell’Abbazia di Roccamadore ai suoi tempi (si consideri che la prima edizione dell’opera del Fazello è datata 1557): 471 once d’oro.

Placido Samperi nel 1644 riferisce di una grave siccità che aveva colpito la zone 45 anni prima: una processione penitenziale composta da contadini e dalle Confraternite dei casali vicini, partì dal Monastero di Roccamadore per la via del Dromo recando con sè l’antichissima icona della Madonna, per chiedere “la desiderata grazia della pioggia.” (  Arrivato il corteo “al casale detto delle Contesse” avvenne il miracolo di enormi nuvole nere, che arrivando dalle montagne portarono con sè la tanto agognata pioggia. In ricordo di questo prodigio le Confraternite presenti si impegnarono a portare ogni anno un cero in occasione della Purificazione della Beata Vergine il 2 di febbraio, giorno della sua solenne festa.

Nel 1735 Carlo III di Borbone reintegrò Messina di tutte le rendite e onorificenze che le erano state precedentemente alienate a causa della sconfitta subita dalla rivolta antispagnola del 1678, per opera soprattutto del suo Vicerè Don Eustachio De Laviefuille. Questi nel 1751 fu ospite del convento di Roccamadore come ricorda una lapide tuttora esistente, posta sui resti del vestibolo “cento passi il prospetto del tempio. La lapide, in marmo, fu posta dal Priore Ignazio Aiello in occasione dei lavori di abbellimento da lui stesso eseguiti due anni dopo la visita, nel 1753.

Il terribile terremoto del 1783 distrusse quasi interamente  il monastero, che viene così sostanzialmente abbandonato dai Padri Cistercensi.

Dopo l’Unità d’Italia, a seguito del decreto di soppressione degli Ordini Religiosi, il Monastero di Roccamadore fu venduto dal Demanio il quale lo demolì tutto e rizzò su quell’area una sontuosa casa da villeggiare a due piani. Detta casa, ceduta in appresso ai signori Targa, cadde completamente nel disastro del 1908.

Le terre intorno al Monastero furono acquistate dalle famiglie Stagno D’Alcontres, Puleo, Lella e Marino, che vi costruirono le loro ville.

L’opera di distruzione è proseguita in tempi recenti con la costruzione della statale 114, che ha separato il viale d’ingresso dai pochi resti ancora esistenti dell’Abbazia, divise in diverse proprietà, giacciono in stato di completo abbandono; per esempio i resti pur consistenti del viale d’ingresso sono in gran parte sommersi dai rottami e dalle carcasse di una concessionaria d’auto. Alcune parti in pietra sono smontate e ammucchiate nello stesso posto e potrebbero essere utilizzate per ripristinare lo stato primitivo, con l’impegno di qualche buon amministratore della nostra città.

Related image
Roccamadore
 
History

The monastery was founded by the Count of Paternò, Bartolomeo di Lucy, in 1193, in a place called Tremestieri, near Messina. The count wanted to name the complex after Santa Maria di Roccamadore, taking his cue from the French church of Roc-Amadour en Quercy, a pilgrimage destination at the time.

Entrusted to the Cistercians of Novara di Sicilia and probably became an abbey in the same year, it soon assumed a certain importance, demonstrated by the fact that a town was born around it and, above all, that Roccamadore was the only Cistercian community not affected by the suppressions Napoleonic. Having entered the Congregation of San Bernardo, in 1861 the abbey could not avoid the decree of suppression of Religious Orders issued in Florence and the monastic community began to disperse. Roccamadore must already have been completely abandoned when in 1908 it was destroyed by the earthquake that also struck Messina.
%d bloggers like this: